Malaga: sole, mare, cultura e divertimento!

Siamo stati a Malaga purtroppo solo qualche ora, in attesa del volo di rientro in Italia. Tuttavia il poco tempo passato qui è bastato per capire una cosa: in questa città non ci si può annoiare! Qui si trova davvero tutto il necessario per accontentare ed assecondare le esigenze più diverse. Sole, mare, spiagge, divertimento, vita notturna, ma anche cultura e bei luoghi da visitare.

Per riprenderci dalle fatiche del tour andaluso, abbiamo deciso di fermarci per qualche ora di mare in una spiaggia di Almuñécar; è un paese molto carino in provincia di Granada, a breve distanza da Malaga e con un litorale di una ventina di chilometri suddiviso in una trentina di spiagge. Gran parte di queste spiagge è composta di piccoli sassi che contribuiscono a colorare il paesaggio con un caratteristico colore grigio. Acqua limpida blu, ma un po’ troppo fredda a maggio per poter fare il bagno!

Il mare di Almuñécar Sassi nella spiaggia di Almuñécar Una delle spiagge di Almuñécar

Dopo qualche ora di relax e sole siamo quindi ripartiti alla volta di Malaga. Solo qualche ora ci separava dal rientro in Italia ed avevamo ancora parecchie cose da vedere!

Malaga

Il primo impatto con la città non è stato in realtà dei migliori. Inizialmente l’ho trovata infatti molto trafficata e caotica, poco idonea per chi si sposta in macchina. In realtà il traffico ed il caos si trovano solo nelle arterie principali; le strade interne sono molto più vivibili! Avendo poco tempo a disposizione ci siamo diretti immediatamente in un autosilo in prossimità del centro, precisamente al Centre Pompidou Málaga, spendendo circa 8€. Il Centro Pompidou è il primo centro d’arte parigino situato fuori dalla Francia ed ospita un museo permanente di alcune decine di opere della collezione dell’omonimo Centro di Parigi. E’ una costruzione molto originale e particolare: una struttura multicolore che ricorda il cubo di Rubik.

Partendo da lì è molto piacevole percorrere la passeggiata che costeggia il porto in direzione del centro storico. Dopo aver costeggiato tutto il Parque de Málaga ed aver attraversato a fatica la trafficatissima Carretera Nacional N-340, finalmente ci troviamo in prossimità del centro. Possiamo iniziare a curiosare tra i molti luoghi interessanti che si trovano in città!

Vista del Centre Pompidou Málaga  Una rosa nel Parque de Málaga  Ruota panoramica a Malaga

La Cattedrale di Malaga

E’ chiamata La Manquita (“la monchetta”) a causa di una torre campanaria mai eretta ed è un piccolo gioiello incastonato in una deliziosa piazzetta, Piazza del Obispo. Il suo nome completo è Santa Iglesia Catedral Basílica de la Encarnación. La facciata principale è coloratissima con i suoi decori in stile barocco, ma è molto evidente il contrasto tra la altissima torre settentrionale e la parte incompiuta a sud.

Nella piazzetta, al cui centro c’è una fontana di marmo grigio, ci sono numerosi caffè in cui è piacevolissimo bere qualcosa ammirando questo imponente edificio. Affiancato alla Cattedrale si trova anche il Palazzo Episcopale (Palacio del Obispo), edificio altrettanto bello e particolare.

La Cattedrale è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, il sabato dalle 10 alle 16.30 e la domenica dalle 9.30 alle 20. Il prezzo dell’ingresso è di 5€ (ridotto 3€).

Cattedrale di Malaga Sangria vista Cattedrale di Malaga Palazzo Episcopale di Malaga (Palacio del Obispo)

Il Teatro Romano e l’Alcazaba

Molto bello da vedere, anche solo passeggiando per le vie di Malaga, è l’antico Anfiteatro Romano. I suoi resti sono stati rinvenuti soltanto nel 1951, durante dei lavori di scavo per costruire la Casa della Cultura. E’ davvero imponente, oltre che perfettamente conservato; l’accesso è gratuito e nella stagione estiva ospita numerosi eventi e rappresentazioni.

Alle sue spalle si trova l’Alcazaba di Malaga ai piedi del monte Gibralfaro, sulla cima del quale si trova il castello dello stesso nome. L’ingresso all’Alcazaba è di € 2,50.

Per motivi di tempo non siamo purtroppo riusciti a visitare questi luoghi come avremmo voluto, tuttavia già dall’esterno la vista è davvero impressionante!

Ingresso Alcazaba e Teatro Romano Vista del Teatro Romano di Malaga dalla strada Vista del Teatro Romano di Malaga dall'ingresso

Museo di Picasso e Museo Casa natale di Picasso

A Malaga si trovano ben due Musei dedicati a Picasso. E come potrebbe essere diversamente? Il celebre pittore venne infatti al mondo in questa splendida città nel lontano 1881.

Uno dei musei si trova nel Palacio de Buenavista in Calle San Agustín: qui sono esposte circa 200 opere del famosissimo artista appartenenti alla collezione privata di due suoi familiari (http://www.museopicassomalaga.org/it). Il prezzo del biglietto è di € 7.

L’altro è il Museo Casa natale di Picasso in Plaza de la Merced, dove si trova la Fundaciòn Picasso: proprio questa casa diede in natali al celebre pittore (http://fundacionpicasso.malaga.eu/). Il prezzo intero del biglietto, con audioguida, è di € 2.

La Casa natale di Picasso si trova nella piazza storica della città vecchia, come detto Plaza de la Merced, da dove è possibile ammirare imponenti monumenti, tributi a Picasso oppure cenare sulle terrazze di uno dei molti ristoranti.

Bellissimi gli alberi dai fiori color lilla e fucsia che la circondano creando un effetto molto suggestivo.

Obelisco in Plaza de la Merced Alberi in Plaza de la Merced Omaggio a Picasso in Plaza de la Merced

E’ purtroppo arrivata l’ora di rientrare in Italia e siamo costretti a fuggire da questa vivace e stimolante cittadina costiera che in poche ore ha davvero saputo conquistarci. Anche in questo caso, come in gran parte dei posti che abbiamo visitato in questo nostro tour in Andalusia, dovremo tornare!

Ma bando alle ciance… Un nuovo viaggio è dietro l’angolo! Domani si parte! Nous allons en France!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *